Tag: maschere

Vestiti di Carnevale per bambini: maschere su misura per realizzare i loro sogni

Vestiti di Carnevale per bambini: maschere e costumi artigianali per bambini a Roma. Artigiane che faranno felici i vostri bambini con travestimenti originali, di loro creazione o su ordinazione

Partiamo da un assunto: il Carnevale piace a tutti, ma ai bambini piace di più. E al di là della gioia e del divertimento nel tirare stelle filanti e coriandoli, quello che aspettano tutti con ansia è il momento in cui indossare la loro maschera e trasformarsi per un pomeriggio, una giornata o anche solo per un’ora, nel loro eroe preferito. Come biasimarli… Alzi la mano chi non ha mia sognato di indossare il fantastico abito di Cenerentola o maneggiare con maestria la spada di Zorro

Vestiti di Carnevale bambini e angolo dei travestimenti: per giocare a essere chi vogliono

Oggi nelle scuole vengono allestiti i cosiddetti “angoli dei travestimenti”, spazi fondamentali per permettere ai bambini di giocare con la propria immagine e la propria identità. Trent’anni fa tutto questo non esisteva: ci si doveva accontentare del Carnevale e solo nei due giorni clou – giovedì e martedì grasso – era permesso tirare fuori la maschera (scelta magari qualche anno prima) e indossarla.

Ricordo un carnevale con il vestito da damina talmente corto che appena allungavo un po’ la schiena all’indietro, si vedevano le scarpe nere decisamente troppo moderne. E quindi camminavo assumendo una posa innaturale che mi faceva assomigliare più che altro a un manichino rotto. Senza contare che, dalla gonna, uscivano fuori i pantaloni che ero costretta a indossare perché “sennò prendi freddo”. Se state pensando “che brutta infanzia poveraccia”, non ditemelo. Però so che state sorridendo perché vi ricorda qualcosa…

Vestiti Carnevale bambini artigianali (e l’importanza di sostenere la manodopera e l’artigianato…)

Conoscendo bene la sensazione di panico che vi sta attanagliando in questo momento dietro a quel sorriso tirato (vi è balenato nella mente “oddio, a proposito, ma quando cade Carnevale quest’anno”?), abbiamo pensato di presentarvi quattro soluzioni a dir poco perfette per risolvere l’annoso problema del “E ora dove la trovo la maschera che la creatura ha chiesto quest’anno?”.

Vi segnaliamo, dunque, quattro creative che vi lasceranno a bocca aperta per raffinatezza, precisione e professionalità. Roma03 appoggia e sostiene il Made in Italy e naturalmente il piccolo artigianato e l’handmade, quindi siamo ben felici di presentarvele, ognuna con le sue peculiarità.

VIVIANA DI PAOLA SCHEPIS: la Cristina D’Avena dei costumi di carnevale per bambini!

Lei si chiama Viviana Di Paola Schepis e si autodefinisce “la Cristina D’Avena dei costumi”. “Prima di sposarmi facevo la stilista presso un’azienda di Roma che mi ha dato il benservito il giorno del mio matrimonio – spiega Viviana – quindi mi sono rimboccata le maniche e un po’ per gioco è un po’ per dare un senso alla mia vita, mi sono messa a creare vestiti”. Tutto è nato con le prime maschere dei Pj Masks che all’epoca non erano ancora presenti in commercio e che sono state un successone. Da lì Viviana ha creato una serie infinita di costumi, spediti in tutta Italia. “La mia più grande soddisfazione è la gioia di questi bimbi: anche se ci guadagno poco, non rinuncerei mai a vedere il loro sorriso quando li ricevono”.

Per contattare Viviana cerca la sua pagina Facebook: Passione e creatività by Viviana

FRANCESCA TOMASSINI: parola d’ordine originalità per  travestimenti handmade per bambini unici!

C’è chi si è specializzato nella riproduzione dei costumi ad altissima fedeltà e chi pensa anche a una versione un po’ più “insolita”: non sono fantastici i grembiuli di Francesca Tomassini? Dalle principesse ad Alice nel paese delle meraviglie, passando per Capitan America, Super Mario e Spiderman. Ovviamente non mancano le maschere classiche, fra cui per i più piccoli spiccano Doraemon, l’Ovetto Kinder e Cars. “Creo abbigliamento su misura, in special modo per bambini, tutto pensato e realizzato da me, a partire dal disegno fino alla consegna del capo – racconta Francesca – Ci tengo a sottolineare sempre che è tutto personalizzabile e personalizzato e quindi unico”.

Per contattare Francesca cerca la sua pagina Facebook: Francesca Creazioni Bimbi

FRANCESCA LISI: se l’abito fa il monaco, il cappello fa Mary Poppins

Poi c’è chi alla particolarità del dettaglio proprio non sa rinunciare. E’ il caso di Francesca Lisi, la regina degli accessori. “Quando facevo l’animatrice nei villaggi, ho imparato che con l’accessorio giusto puoi trasformarti in un’altra persona – sottolinea Francesca – così ho pensato di creare tutta una linea legata alle richieste dei bambini per impersonare tutti i loro beniamini! E’ un modo per aiutare anche le tasche dei genitori e gli armadi di casa, che altrimenti si riempirebbero in un batter d’occhio solo di costumi”.

Per contattare Francesca cerca la sua pagina Facebook: Mammafrancy_handmade

NICOLE RIVELLINO: un’avventura cucita su misura

Beh, a ben vedere c’è sempre una buona occasione per indossare una maschera!”. A dirlo ridendo è Nicole Rivellino che da anni crea vestiti per Carnevale, Halloween, feste di compleanno, party a tema: “Per me è una delle forme di creatività più alte, oltre a essere un ottimo modo per sviluppare la fantasia non solo di chi indossa i costumi, ma anche di chi li realizza – conclude Nicole – Come dico sempre, io inizio a inventare con la stoffa, a voi, poi, tocca la parte più divertente: vivere le storie più belle, avventurose e romantiche!”. Ne abbiamo parlato anche qui

Per contattare Nicole cerca la sua pagina Facebook: Muminlove

 

Maschera Maleficent – Tutorial corna e scettro – Halloween e Carnevale 2019

Se anche voi come me avete da poco portato al cinema vostra figlia a vedere Maleficent -Signora del male, avrete forse il mio stesso problema…

“Mamma per Halloween mi voglio vestire da Maleficent”…seguono istanti di panico e successiva ricerca spasmodica su Amazon di corna, ali e scettro, mantello e quant’altro.

Ma diciamo la verità, piuttosto che comprare delle corna di plastica cinesi, non sarebbe più carino farsi la maschera da soli a casa? Magari con l’aiuto dei vostri figli? (o forse meglio di no ;-p).

Ecco qui come ho risolto io, con l’aiuto fondamentale della mia amica Alessia, senza la quale lo ammetto non sarei riuscita a fare nemmeno delle orecchie da gatto :-p

TUTORIAL CORNA E SCETTRO/BASTONE MAGICO MALEFICENT (MALEFICA)

Cosa serve per le corna:

  • 1 cerchietto nero a base larga
  • 2 bicchierini di plastica da caffè
  • fil di ferro o filo elettrico
  • nastro adesivo nero
  • scotch
  • carta stagnola
  • colla a caldo
  • 2 pezzetti di stoffa

Cosa serve per lo scettro:

  • nastro adesivo nero
  • scotch
  • carta stagnola
  • colla a caldo
  • qualche bastoncino rigido (materiale a scelta)
  • 1 pallina di plastica
  • feltro colorato o quei fogli di materiale plastico colorati

COME FARE LE CORNA DI MALEFICA FAI DA TE

Per prima cosa abbiamo fatto un buchino sul fondo del bicchierino da caffè. Abbiamo attorcigliato il fil di ferro (noi abbiamo usato del filo elettrico che avevamo in casa, è uguale) e lo abbiamo successivamente incollato sul fondo del bicchiere con della colla a caldo. Il fil di ferro serve per creare la forma ondulata delle corna.

Dopo aver fatto raffreddare la colla a caldo e aver modellato il fil di ferro con la forma tipica a onda delle corna di Maleficent, abbiamo iniziato ad aggiungere carta argentata intorno al bicchierino e al fil di ferro fino a dargli lo spessore desiderato, quindi più fino in prossimità delle corna.

Ripetere lo stesso procedimento per il secondo corno e metterle vicine per verificare che spessore, forma e lunghezza siano il più simili possibile.

Dopodiché iniziare ad avvolgere entrambe le corna con dello scotch trasparente in modo da renderle più dure e compatte. Una volta completato il processo iniziare a rivestirle con il nastro adesivo nero (quello da elettricista per capirci) che darà l’effetto lucido alle corna.

Ricoprire anche la parte del bordo del bicchiere di plastica.

Una volta completato il lavoro, prendere 2 strisce di tessuto o di feltro e incollarle con la colla a caldo in orizzontale nel bicchiere in modo tale da poterlo poi attaccare sul cerchietto.

Provare il cerchietto alla bimba/bimbo per capire dove incollare le corna, ricordatevi che le punte non si devono toccare fra di loro.

Mettere quindi la cola a caldo sulla striscia di tessuto e su metà bordo del bicchiere e attaccare il corno sul cerchietto esercitando un po’ di pressione. Lasciar raffreddare e attaccare il secondo corno.

Provare il cerchietto sulla testolina estasiata dei vostri bambini 🙂 et voilà 🙂

NB. per dare maggiore stabilità alle corna abbiamo ricoperto anche il cerchietto con il nastro adesivo.

COME FARE LO SCETTRO/BASTONE MAGICO DI MALEFICA FAI DA TE

Per lo scettro abbiamo usato dei bastoncini di ferro che abbiamo staccato da uno scolapiatti vecchio da buttare, ma potete utilizzare qualsiasi materiale di riciclo che avete in casa.

Prendete la misura col vostro bambino tenendo presente che è un bastone lungo che poggia a terra.

Ricoprite il bastone con carta argentata fino a dare un po’ di spessore, dopodiché ricoprite tutta lunghezza con scotch trasparente. Come per le corna infine ricoprite il bastone con il nastro adesivo nero.

Per la parte superiore potete sbizzarrirvi, noi non abbiamo seguito fedelmente il bastone magico del film Maleficent ma abbiamo giocato con una forma a fiore. Prima cosa prendete una pallina e foratela, ritagliate dei fogli di feltro nero o colorati (noi abbiamo utilizzato quei fogli in materiale plastico con i brillantini che si vendono nei negozi cinesi) dei petali e incollateli intorno alla pallina con la colla a caldo. Se volete potete ritagliare altre forme per decorare la pallina o potete decidere di lasciarla semplice.

NB. attenzione a non coprire il buco della pallina con i petali.

Infine infilate il bastone che avete ricoperto in precedenza nel buco della pallina incastrandolo e rinforzate con dei giri di nastro adesivo per dare più stabilità.

Ora volete sapere come fare anche le ali di Malefica? Nooooo??? Meglio perché ho optato per un semplice mantello ;-p

Happy Halloween a tutti!

Ovviamente la maschera di Maleficent va benissimo anche come maschera di Carnevale e infatti noi sicuramente la riutilizzeremo!

Maschera Maleficent – Tutorial corna e scettro – Halloween e Carnevale 2019

Se anche voi come me avete da poco portato al cinema vostra figlia a vedere Maleficent -Signora del male, avrete forse il mio stesso problema…

“Mamma per Halloween mi voglio vestire da Maleficent”…seguono istanti di panico e successiva ricerca spasmodica su Amazon di corna, ali e scettro, mantello e quant’altro.

Ma diciamo la verità, piuttosto che comprare delle corna di plastica cinesi, non sarebbe più carino farsi la maschera da soli a casa? Magari con l’aiuto dei vostri figli? (o forse meglio di no ;-p).

Ecco qui come ho risolto io, con l’aiuto fondamentale della mia amica Alessia, senza la quale lo ammetto non sarei riuscita a fare nemmeno delle orecchie da gatto :-p

TUTORIAL CORNA E SCETTRO/BASTONE MAGICO MALEFICENT (MALEFICA)

Cosa serve per le corna:

  • 1 cerchietto nero a base larga
  • 2 bicchierini di plastica da caffè
  • fil di ferro o filo elettrico
  • nastro adesivo nero
  • scotch
  • carta stagnola
  • colla a caldo
  • 2 pezzetti di stoffa

Cosa serve per lo scettro:

  • nastro adesivo nero
  • scotch
  • carta stagnola
  • colla a caldo
  • qualche bastoncino rigido (materiale a scelta)
  • 1 pallina di plastica
  • feltro colorato o quei fogli di materiale plastico colorati

COME FARE LE CORNA DI MALEFICA FAI DA TE

Per prima cosa abbiamo fatto un buchino sul fondo del bicchierino da caffè. Abbiamo attorcigliato il fil di ferro (noi abbiamo usato del filo elettrico che avevamo in casa, è uguale) e lo abbiamo successivamente incollato sul fondo del bicchiere con della colla a caldo. Il fil di ferro serve per creare la forma ondulata delle corna.

Dopo aver fatto raffreddare la colla a caldo e aver modellato il fil di ferro con la forma tipica a onda delle corna di Maleficent, abbiamo iniziato ad aggiungere carta argentata intorno al bicchierino e al fil di ferro fino a dargli lo spessore desiderato, quindi più fino in prossimità delle corna.

Ripetere lo stesso procedimento per il secondo corno e metterle vicine per verificare che spessore, forma e lunghezza siano il più simili possibile.

Dopodiché iniziare ad avvolgere entrambe le corna con dello scotch trasparente in modo da renderle più dure e compatte. Una volta completato il processo iniziare a rivestirle con il nastro adesivo nero (quello da elettricista per capirci) che darà l’effetto lucido alle corna.

Ricoprire anche la parte del bordo del bicchiere di plastica.

Una volta completato il lavoro, prendere 2 strisce di tessuto o di feltro e incollarle con la colla a caldo in orizzontale nel bicchiere in modo tale da poterlo poi attaccare sul cerchietto.

Provare il cerchietto alla bimba/bimbo per capire dove incollare le corna, ricordatevi che le punte non si devono toccare fra di loro.

Mettere quindi la cola a caldo sulla striscia di tessuto e su metà bordo del bicchiere e attaccare il corno sul cerchietto esercitando un po’ di pressione. Lasciar raffreddare e attaccare il secondo corno.

Provare il cerchietto sulla testolina estasiata dei vostri bambini 🙂 et voilà 🙂

NB. per dare maggiore stabilità alle corna abbiamo ricoperto anche il cerchietto con il nastro adesivo.

COME FARE LO SCETTRO/BASTONE MAGICO DI MALEFICA FAI DA TE

Per lo scettro abbiamo usato dei bastoncini di ferro che abbiamo staccato da uno scolapiatti vecchio da buttare, ma potete utilizzare qualsiasi materiale di riciclo che avete in casa.

Prendete la misura col vostro bambino tenendo presente che è un bastone lungo che poggia a terra.

Ricoprite il bastone con carta argentata fino a dare un po’ di spessore, dopodiché ricoprite tutta lunghezza con scotch trasparente. Come per le corna infine ricoprite il bastone con il nastro adesivo nero.

Per la parte superiore potete sbizzarrirvi, noi non abbiamo seguito fedelmente il bastone magico del film Maleficent ma abbiamo giocato con una forma a fiore. Prima cosa prendete una pallina e foratela, ritagliate dei fogli di feltro nero o colorati (noi abbiamo utilizzato quei fogli in materiale plastico con i brillantini che si vendono nei negozi cinesi) dei petali e incollateli intorno alla pallina con la colla a caldo. Se volete potete ritagliare altre forme per decorare la pallina o potete decidere di lasciarla semplice.

NB. attenzione a non coprire il buco della pallina con i petali.

Infine infilate il bastone che avete ricoperto in precedenza nel buco della pallina incastrandolo e rinforzate con dei giri di nastro adesivo per dare più stabilità.

Ora volete sapere come fare anche le ali di Malefica? Nooooo??? Meglio perché ho optato per un semplice mantello ;-p

Happy Halloween a tutti!

Ovviamente la maschera di Maleficent va benissimo anche come maschera di Carnevale e infatti noi sicuramente la riutilizzeremo!

Nicole Rivellino: costumi, culle, giochi, abiti artigianali per bambini a Roma

L’artigianato è sempre più apprezzato soprattutto da mamme, bambini e neonati. Culle portatili fatte a mano, quiet book personalizzati, giochi in stoffa, abiti e fantasiosi costumi di carnevale per neonati e bambini sono le stupende creazioni di Nicole Rivellino alias Mum in Love, artigiana di Roma, che con ago e filo darà vita alla vostra fantasia!

Nicole Rivellino – Mum in Love
Pagina Fb
Sito Web
Istagram

NON PERDETE LA PRESENTAZIONE DELLA COLLEZIONE ESTIVA
DI
MUM IN LOVE
SABATO 11 MAGGIO DALLE 10:00 ALLE 13:00
Via Lucio Mariani 66 F
uscita del raccorto Gregna Sant’Andrea

ARTIGIANATO ABITI BAMBINI COLLEZIONE ESTATE INVITO 11 MAGGIO ROMA

COLLEZIONE ESTIVA PER BAMBINI MUM IN LOVE

L’11 maggio 2019 dalle 10:00 alle 13:00, Nicole Mum In Love Rivellino vi aspetta con un grande evento per la presentazione della sua collezione estiva, assieme alle Bimbografie di Beatrice Alvino (che vi regalerà un meraviglioso scatto con i vostri bimbi) e i deliziosi manicaretti e allestimenti di La Sodi Cake Design.

Cosa troverete? Tanti abiti deliziosi per i vostri bimbi, tutti rigorosamente fatti a mano, culle portatili per i neonati e i pu-puzzle, giochi morbidi e divertenti.

CREATIVITÀ, ARTIGIANATO E… CARNEVALE!

Il Carnevale per me era il momento in cui potevo finalmente dare sfogo a tutto quello che dovevo reprimere durante l’anno. Ossia: per me, da sempre, il mondo è una specie di grande palcoscenico dove, al netto delle tante sfortune, ci si può divertire e sognare ogni giorno.

Per me il parcheggio condominiale era un posto dove, non capivo perché, nessuno avesse montato una rete di pallavolo per divertirsi fra condomini, un pezzo di terra fangoso dietro le altalene del mio asilo era il mio giardino segreto, gli stecchini del cremino si dovevano conservare perché un giorno ne avrei fatto un grande galeone. Non capivo proprio perché la gente non cercasse il più possibile di ritagliarsi spazi di divertimento.

A dire il vero, non lo capisco ancora oggi. 

A Carnevale però, visto che la cosa era in qualche modo istituzionalizzata, la gente si lasciava andare un po’ di più e io costringevo tutti a mascherarsi, perfino mia nonna che pesava 120kg per quasi 1.70mt di altezza e pareva la Sora Lella coi capelli piastrati.

Carneval anni 80
Sì, sono io. Sì, è la maschera di Jem e le Holograms

Quindi qual è uno dei posti dove mi sento di più a casa mia? Sì, a parte teatri, circhi e scuole di scrittura, dico… I mercatini dell’artigianato!

Perché? Perché credo che questo stesso spirito un poco folle ce l’abbia chi ancora si ricorda che in realtà il lavoro è una cosa che nasce dalle mani dell’uomo che si prestano alla sua immaginazione. E perché oggi artigianato vuol dire rinascere: tante persone, dopo aver perso il lavoro o non avendone trovato uno che lo soddisfi, si imbarcano contro mille difficoltà quando si ricordano di quale prodigio abbiano in testa e nelle mani!

Culle portatili in stoffa per neonati, artigianali, a Roma
Le culle portatili fatte a mano da Nicole Mum in Love Rivellino

MUM IN LOVE, CULLE PORTATILI, COSTUMI DI CARNEVALE, GIOCHI E ABITI ARTIGIANALI PER BAMBINI A ROMA

Ed è proprio il caso di NICOLE MUM IN LOVE RIVELLINO, nella quale mi sono imbattuta per caso proprio in un negozio di artigianato dove erano esposti i suoi Pu-Puzzle, pupazzi assemblabili di stoffa con vari tipi di allacciature/cerniere/chiusure, e una linea di abbigliamento e maschere di carnevale per bambini piccolissimi.

Così sono andata a cercarla subito ed è finito che l’anno scorso ha trasformato la mia Diana in Wonder Woman (che poi il vero nome di Wonder Woman è proprio Diana, non ci avevo pensato!). Nell’attesa di sapere cosa succederà quest’anno, ho deciso di intervistarla per presentare a voi mamme tutte le bellissime cose che fa.

Le culle portatili per neonati confezionate con cuscino e coperta coordinate. Tutto assolutamente artigianale.
Le culle portatili per neonati confezionate con cuscino e coperta coordinate. Tutto assolutamente artigianale.

Nicole Rivellino alias Mum in Love, partiamo dal principio… Qual è stata la prima cosa che hai creato e che ti ha fatti dire: “uh, ma questo potrei proprio farlo per lavoro!”

A onor del vero, non è stata tanto una cosa che ho creato, a far scattare la molla, ma la reazione di chi riceveva le mie creazioni a farmi muovere i primi passi in questa avventura. La creatività è una cosa che mi accompagna da sempre, grazie all’influenza di donne della mia vita che l’hanno alimentata giorno dopo giorno.

giocattoli fatti a manon artigianali per neonati e bambini
Pupuzzle i pupazzi componibili fatti a mano

Come mai la scelta di creare per le neomamme e i bambini piccolissimi?

Fondamentalmente è stato l’arrivo di mio figlio a farmi prendere questa strada. La gravidanza ti smonta, ti scardina, ti mette davanti a te stessa e subito dopo bisogna ricomporsi, rimettere insieme i pezzi, in qualche modo. In quel periodo non avevo molta serenità nei confronti del lavoro che stavo facendo. Pochissime certezze e pochissime soddisfazioni.
L’unica certezza era la voglia di crescere mio figlio e dedicarmi a lui al 100%. Così ho iniziato a dare vita a delle cose che ogni mamma innamorata desidererebbe per il proprio figlio.

culle portatili artigianali fatte a mano a roma
Le culle portatili fatte a mano di Mum in Love

CULLE PORTATILI PER NEONATI E BAMBINI PER LA NANNA, PER IL RIPOSINO, PER IL CO-SLEEPING

Raccontiamo ai genitori che ci seguono queste piccole opere d’arte che produci: le culle portatili, la punta di diamante della tua produzione… Come le realizzi? Che destinazione d’uso hanno?

Le culle nascono proprio da questo concetto. Mio figlio, come molti bimbi appena nati, si ritrovava spesso a dormire sul divano accanto a me, o in mezzo al letto matrimoniale. Un’isola per lui immensa.

Lui piccolissimo, aveva bisogno di un abbraccio caldo e rassicurante, che allora riuscivo a sopperire accatastando cuscini e costruendo trincee morbidose, o, il più delle volte, facendo da culla umana.

Quella che propongo è un po’ il riduttore di quell’enorme spazio che circonda i neonati. L’abbraccio caldo e rassicurante che si sostituisce alle braccia dei genitori.

culle portatili artigianali fatte a mano a roma
Le culle portatili per neonati confezionate con cuscino e coperta coordinate. Tutto assolutamente artigianale.

Utilizzato nel letto matrimoniale, per chi ama il cosleeping, o sul divano, per i pisolini pomeridiani. Nelle culle, ancora troppo grandi per il loro corpicino minuscolo, e nel lettino, una volta cresciuto, per evitare urti e piedini fra le sbarre.

Realizzo le mie culle portatili in cotone con imbottitura anallergica, con un’apertura ad una estremità, che serve per regolarne la grandezza.

Cerco sempre o spesso, di usare delle stoffe originali, così molte volte arrivano anche dall’Inghilterra, dalla Germania. Stoffe francesi o americane, purchè siano di ottima qualità.

Le creazioni di Mum in Love per bambini in un negozio di artigianato a Roma
Le creazioni di Mum in Love per bambini in un negozio di artigianato a Roma

GIOCHI SENSORIALI, DIVERTENTI E EDUCATIVI FATTI A MANO PER NEONATI E BAMBINI

E poi ci sono i fiocchi nascita, i libri sensoriali e i morbidi giochi in stoffa fra cui i Pu-Puzzle, pupazzi componibili di ispirazione Montessoriana uno dei quali abita a casa nostra è un bassotto e si chiama Tappo! Tutti, in qualche modo, pezzi unici…

Effettivamente le mie creazioni spaziano un po’ in tutte le direzioni. Giochi, vestiti, accessori. I pupuzzle nello specifico, sono nati un po’ per caso. Nella realizzazione delle mie creazioni, uso stoffe ricercate, di fine serie e gli sfridi sono tanti e tanta è la mia adorazione per il riciclo! I pupuzzle nascono proprio guardando la cesta di questi pezzi di stoffa di risulta.

Forme svariate, di svariate dimensioni, che una volta affiancate hanno richiamato alla mia mente diverse sagome di animali.

Così, come un puzzle, trovai dei modi semplici per ricomporli e per “insegnare” ai bimbi come allacciare, slacciare, abbottonare e sbottonare, a smontare e rimontare il proprio pupazzo.

Un gioco, un pupazzo e un modo per imparare qualcosa. Ovviamente facendo ciò, non possono che essere dei pezzi unici.

giocattoli educativi morbidi per neonati e bambin fatti a mano
Questo è tappo e vive a casa nostra

VESTITI E COSTUMI DI CARNEVALE PER NEONATI E BAMBINI, RIGOROSAMENTE HANDMADE. ANCHE SU ORDINAZIONE

Infine hai anche una linea di abbigliamento che parte dalla nascita e realizzi – visto che carnevale è alle porte – divertentissimi costumi per Carnevale e Hallowen da Biancaneve alle Sirene, dai Supereroi ai Superpigiamini e poi…?

L’abbigliamento è da sempre il mio primo grande amore e da sempre la cosa più difficile che riesco a portare avanti. Mi piace pensare a dei piccoli outfit, o a dei pezzi unici da far indossare ai piccolissimi. Quindi periodicamente ne realizzo alcuni, ma in pochissime taglie. Il resto è tutto su ordinazione.

Deliziose giacche e cappottini handmade
Deliziose giacche e cappottini handmade

Mi piace vedere i bambini che indossano cose particolari, originali che escono un po’ fuori dalla moda. E questo concetto lo riverso tutto anche nel Carnevale. I negozi sono pieni di costumi di tutti i tipi. E prezzi. Ma io cerco sempre di uscire dalle convenzioni. Propongo e accetto proposte di tutti i tipi. Spesso evitando di lanciarmi in temi visti e rivisti, o comunque rielaborandoli a mio modo. Wonder woman è l’esempio eclatante dello scorso carnevale!

costume da cowgirl per bambina
Una cowgirl non perde mai la sua femminilità con una nuvola di tulle!

Quest’anno la richiesta più strana è stata un mini Freddie Mercurie! Diciamo che più che proposte diventano delle sfide… ma le sfide mi piacciono!

Per i costumi tendo comunque ad utilizzare stoffe “importanti” perchè non diventi il classico vestito che si trovi ovunque.

Da dove arriva il tuo amore per la creatività? Per dire: io ho fatto il mio primo giornalino, con gommina profumata in regalo, in terza elementare con domopack e fogli protocollo. Tu che bambina eri?

I miei ricordi da piccolissima sono di mia mamma che passava da arredatrice di interni (almeno un weekend al mese al ritorno da scuola, ci faceva trovare la cameretta in un modo diverso! Letto, armadio, scrivania…ogni volta una combinazione differente) ad artista (amava raccogliere foglie di ogni tipo, pigne, ramoscelli…e creava dei quadri spettacolari). Poi mia nonna. Sarta per una vita. Ho indossato vestiti cuciti da lei dalla nascita a oggi. La mia passione probabilmente nasce indossando i suoi cappottini. Io ho mescolato il tutto e ho provato entrambe le strade. Mi piace inventare, sperimentare, provare…l’ho sempre fatto. E ho avuto dei grandi esempi.

I tuoi prodotti, si vede, sono studiati in ogni particolare. Niente è lasciato al caso: che percorsi di studio hai fatto?

I miei studi partono dal liceo artistico, all’inizio del quale sognavo di diventare un’orafa. Nel profondo, avrei voluto intraprendere l’accademia di costume e moda, ma per svariati motivi, sapevo che poteva rimanere solo un sogno.

Alla fine del liceo, un professore meraviglioso che mi ha illuminato la strada dell’architettura e del design, ha segnato in qualche modo la mia scelta universitaria. Ho iniziato il mio percorso pensando che sviluppando prodotti di design non mi sarei allontanata molto dal mio sogno, ma alla fine mi sono ritrovata a studiare ambienti (e qui ritorna mia mamma che si improvvisa interior designer!). Così dopo la laurea in disegno industriale, ho iniziato a lavorare in uno studio di architettura, un’ avventura, durata ben 10 anni, che con l’arrivo della gravidanza e il sogno nel cassetto che bussa sempre più forte, finisce. Ma in compenso inizia l’avventura più entusiasmante della mia vita.

Diana trasformata in Wonder Woman (un anno e mezzo, piccola!)

Com’è la giornata di una mamma artigiana freelance?

Rocambolesca. Soprattutto se lo è anche il papà che per la metà dell’anno è in giro per il mondo per lavoro. Ma ho scelto di esserlo. Per gestirmi gli orari. Per dedicarmi a mio figlio il più possibile. Diciamo che fino a questa estate, il mio laboratorio era la mia cucina.

Ma ho dovuto scindere le due cose. Casa – lavoro. È importante dare il giusto spazio alle idee e lasciare la casa come il ritrovo della famiglia.
Così ho preso in prestito un piccolo angolino dell’ufficio di mio padre, e l’ho trasformato nel mio laboratorio. La mattina dopo aver lasciato mio figlio a scuola, lavoro ininterrottamente fino a che non arriva l’ora di andarlo a riprendere. Lavoro. Sono soddisfatta. Ma soprattutto mi godo il mio bambino.

fiocco nascita fatto a mano con unicorno e arcobaleno

COME ORDINARE O ACQUISTARE LE CREAZIONI UNICHE DI NICOLE RIVELLINO, L’ARTIGIANA MUM IN LOVE

Se qualcuno che ci legge volesse acquistare un prodotto in pronto consegna o ordinare qualcosa di “personalizzato”… come e dove può scegliere il prodotto perfetto o crearlo assieme a te? Che tempi ci sono?

Per gli ordini vengo contattata tramite i social, Facebook o instagram, dove io quotidianamente pubblico le mie creazioni. Ma per avere una panoramica completa si può andare sul mio sito dove per categoria ci sono gran parte delle cose che ho realizzato in questi anni.

Deliziose giacche e cappottini handmade
Deliziose giacche e cappottini handmade

Ogni ordine può essere personalizzato e realizzato in base alle indicazioni che mi vengono fornite. Il 90% dei miei prodotti sono pezzi unici. La mia grande peculiarità? La velocità!

Essendo io sola a disegnare e realizzare, ho dovuto sviluppare questa dote!
Unica accortezza, riguarda il Carnevale e i libri di stoffa: muoversi per tempo per l’ordine e non aspettare gli ultimi giorni. Sono veloce ma sono sempre una!

Molte mamme si reinventano partendo dalla loro passione e forse tantissime ci stanno pensando mentre leggono la tua storia: cosa ti senti di dire a queste mamme?

Di tenere duro. Di provare. Di non lasciarsi andare. E di non aspettare. Non è una passeggiata, ma di sicuro, quando si seguono i sogni, qualcosa di buono ne esce sempre fuori.

Ps- Chiudiamo il nostro articolo con una minuscola sirena!

costume neonato sirena costume neonato sirena costume neonato sirena costume neonato sirena